/ 1-3 anni / Tutti gli accessori del mio Quinny Moodd

Tutti gli accessori del mio Quinny Moodd

Da quando abbiamo adottato il nostro Quinny Moodd non usciamo mai senza. Strutturato, compatto, possente, maneggevole, versatile, comodo, perfetto su ogni terreno, insomma davvero un ottimo passeggino.

Ludovica può stare fronte mamma e fronte strada a seconda del momento, e dormire beata e distesa grazie alla seduta che si regola con una sola mano.

È talmente ottimo che Lavinia, che oramai aveva abbandonato il suo passeggino perché grande e desiderosa di camminare, spesso accusa momenti improvvisi di stanchezza che la bloccano e la rendono immobile.

Certo è un capriccio, lo so. Certo le spalle di papà sono belle larghe e la ospitano volentieri. Ma le mie no. E se sono sola? Mi è capitato di essere in giro con entrambe, con Lavinia che non si sentiva particolarmente bene, e di aver dovuto fare 200 metri con lei in un braccio mentre con l’altro spingevo il Quinny.

Da non ripetere.

Per questo motivo abbiamo optato per la pedana. Avremmo sicuramente dovuto prenderla prima. So che è tardi, forse la userò poco (in realtà regge fino ai 20 kg e considerando che Lavinia pesa niente forse possiamo arrivare tranquillamente alle elementari :-D), ma mi ha cambiato la vita. In questo preciso momento mi è indispensabile.

image

Lavinia quando usciamo mi dice sempre: mamma ricordati la pedana perché se mi stanco ci salgo. Oppure meglio ancora: mamma prendi la pedana perché sono stanca.

Già che c’ero ho dotato il nostro Quinny del porta bibita, per poter passeggiare mentre sorseggio acqua, cappuccino o anche solo per portare il bibe della Ludo o un succo di Lavinia. Il gancio è di serie al passeggino, mente il porta bibe/bottiglia si acquista a parte.

image
Infine ho aggiunto anche l’ombrellino parasole, perché se proprio devo trovare un difetto al Moodd è che la capottina è un po’ piccola rispetto alla seduta per certe inclinazioni del sole, tipo quando è frontale. Grazie all’ombrellino riesco a riparare la bambina proteggendola così dai raggi uv (40+) ed evitando che si innervosisca tenendola al fresco. Clip fornita in dotazione con i passeggini Quinny.

image

Oltre a questi accessori esistono anche il sacco imbottito, per tenere il bambino al caldo, ma ci penseremo più in là, e la borsa per il trasporto del passeggino in aereo, per evitare che lo rovinino, tra un trasporto e l’altro.

Adesso siamo talmente attrezzati che nessuna delle due figlie se ne separerebbe mai. E quando i tuoi figli sono comodi sui propri mezzi di trasporto, puoi tranquillamente organizzare gite fuori porta e sessioni di shopping senza temere di essere interrotta sul più bello!

Sere-Mammadalprimosguardo

The following two tabs change content below.

Serena dG.

Capo redattrice
Classe 1978, borgomanerese di nascita, laureata in lingue, impiegata in una ditta locale, conosco il mio fidanzato Giacomo, fiorentino, durante una meravigliosa vacanza a Formentera; dopo poco arriva lei, la nostra Lavinia e tutto cambia. Chi la vede, mi dice che sembra una bambola. La verità è che se una bambola deve essere, è la bambola assassina con il suo caratterino niente male. Da sempre mi dicono che è la fotocopia del padre. Ovviamente esteticamente, dato che il carattere...è tutto il mio. 😀Attualmente viviamo un po' qui e un po' lì, senza fissa dimora come ironicamente dico, in realtà ci dividiamo tra la casa a Borgo e quella a Firenze, per esigenze lavorative. La domanda che odio di più è: ma cosa pensi di fare? Non lo so, viviamo alla giornata, inutile programmare quando poi la vita ti stravolge tutto. Per ora va bene così, siamo pendolari per amore e questo ci piace. Poi vedremo. Tutto fa esperienza anche questo. Intanto abbiamo una bambina che sta ovunque senza problemi. E per noi è già un valore aggiunto. Poi aspettiamo di vincere il superenalotto e di svoltare...:-DLa nostra vita è fatta di treni, di week end sempre in giro (una volta sale papà, una volta scendiamo noi), di video chiamate e tanti sospiri quando siamo lontani. Da una parte questo è anche il bello della nostra vita. Non ci si annoia mai. Ma è anche vero che non ci si riposa mai. Per questo non lo so quanto potremo andare avanti così. Per ora però, questa sono io, questa è la mia vita. E mi piacerebbe condividere con voi questa nostra #vitadapendolari, che spesso è talmente divertente da non crederci.Se volete scoprirlo continuate a leggermi qui e sul mio blog www.mammadalprimosguardo.com.

Ultimi post di Serena dG. (vedi tutti)

0 POST COMMENT

Send Us A Message Here

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *