/ / Quinny Moodd

Quinny Moodd

Sapete che da qualche tempo stiamo testando un nuovo passeggino: il Quinny Moodd.

Fino a poco tempo fa la Ludo era piccolina e per le passeggiate usavamo l’ovetto Maxi Cosi Pebble della Bébé Confort perfettamente adattabile al telaio del Quinny. Adesso invece la Ludo è cresciuta ed è pronta per il passeggino. Me ne sono accorta perché cominciava a cercare di tirarsi sù e ho quindi pensato che fosse stufa della posizione dell’ovetto. Comoda per la nanna, per carità, ma così noiosa…:-D

Ho aspettato un po’ a cambiare la seduta perché secondo me è importante che stiano seduti autonomamente prima di farlo; legarli come salamini ad una seduta più grande se poi ancora non sono in grado di stare seduti da soli è, secondo me,  un controsenso. Verso i sei mesi quindi si può pensare di spostarli sempre però tenendo conto del proprio bambino. Perché non tutti i bambini sono uguali. La Ludo per esempio è grande per la sua età, e anche per questo l’ho spostata sul passeggino. Diversamente Lavinia era più minuta e ho aspettato qualche tempo in più, quattro anni fa.

trio-quinny-moodd-foldable-carrycot-cabriofix-2015
Il Quinny Moodd è davvero un eccellente passeggino: offre un perfetto mix di stile e funzionalità, per genitori, come me, attenti all’innovazione e al design. Si apre e si chiude con un semplice gesto in un secondo, anche con una sola mano libera, grazie all’esclusiva molla a gas. Ciò che più amo di lui è che, nonostante sia massiccio come struttura, non è pesante. Inoltre le tre ruote lo rendono davvero pratico su qualsiasi terreno. Salgo e scendo dai marciapiedi della città senza alcuna difficoltà.

Quinny Moodd è poi stabilissimo. Due ruote grandi dietro (con tanto di camera d’aria e relativa pompa per gonfiaggio nascosta sotto il passeggino nella cesta, in caso di necessità) e una ruota davanti, garantiscono la stabilità necessaria per le passeggiate con la Ludo. Le buche dell’asfalto non sono più un problema. Nemmeno gli scalini dei negozi del centro.

In questo momento la tengo rivolta verso di me per praticità. Ma la seduta può essere sistemata sia fronte mamma, comoda da distendere in caso di nanna, sia fronte strada, quando i bambini cominciano ad essere attratti dal resto e non necessitano più un costante contatto visivo con la mamma. Seduta, tra l’altro, che può essere intercambiata anche con i bambini a bordo.
Il maniglione unico poi, regolabile in altezza, è a parer mio molto più pratico dei classici due manici, perché permette di condurre il passeggino con una sola mano, soprattutto quando l’altra è necessario tenerla libera per una sorella maggiore.

admin-ajax
Come detto è un passeggino grande, rispetto agli ultraleggeri, però sta tranquillamente in macchina, anche nei bagagliai più piccoli grazie alle ruote amovibili.

E poi personalizzabile a proprio piacimento grazie ai diversi colori disponibili e ai vari accessori acquistabili a parte, ma ne riparleremo.

Sere-Mammadalprimosguardo

The following two tabs change content below.

Serena dG.

Capo redattrice
Classe 1978, borgomanerese di nascita, laureata in lingue, impiegata in una ditta locale, conosco il mio fidanzato Giacomo, fiorentino, durante una meravigliosa vacanza a Formentera; dopo poco arriva lei, la nostra Lavinia e tutto cambia. Chi la vede, mi dice che sembra una bambola. La verità è che se una bambola deve essere, è la bambola assassina con il suo caratterino niente male. Da sempre mi dicono che è la fotocopia del padre. Ovviamente esteticamente, dato che il carattere...è tutto il mio. 😀Attualmente viviamo un po' qui e un po' lì, senza fissa dimora come ironicamente dico, in realtà ci dividiamo tra la casa a Borgo e quella a Firenze, per esigenze lavorative. La domanda che odio di più è: ma cosa pensi di fare? Non lo so, viviamo alla giornata, inutile programmare quando poi la vita ti stravolge tutto. Per ora va bene così, siamo pendolari per amore e questo ci piace. Poi vedremo. Tutto fa esperienza anche questo. Intanto abbiamo una bambina che sta ovunque senza problemi. E per noi è già un valore aggiunto. Poi aspettiamo di vincere il superenalotto e di svoltare...:-DLa nostra vita è fatta di treni, di week end sempre in giro (una volta sale papà, una volta scendiamo noi), di video chiamate e tanti sospiri quando siamo lontani. Da una parte questo è anche il bello della nostra vita. Non ci si annoia mai. Ma è anche vero che non ci si riposa mai. Per questo non lo so quanto potremo andare avanti così. Per ora però, questa sono io, questa è la mia vita. E mi piacerebbe condividere con voi questa nostra #vitadapendolari, che spesso è talmente divertente da non crederci.Se volete scoprirlo continuate a leggermi qui e sul mio blog www.mammadalprimosguardo.com.

Ultimi post di Serena dG. (vedi tutti)

0 POST COMMENT

Send Us A Message Here

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Visit Us On FacebookVisit Us On InstagramVisit Us On TwitterVisit Us On Google PlusVisit Us On Pinterest