/ Consigli da mamma / Co-sleeping? Sì, ma Next2Me

Co-sleeping? Sì, ma Next2Me

Se mi seguite sui social sapete bene che io sono assolutamente favorevole al co-sleeping.

Prima di tutto perché mi piace sentire la mia bambina vicino a me, respirare il suo respiro e dormire cullata dal battito del suo cuoricino, e secondo perché, lo ammetto, sono troppo pigra per alzarmi ogni volta che la bambina richiede la mia attenzione.

Ma soprattutto mi piace saperla lì a pochi centimetri da me, mi piace saper di dover aprire solo un occhio per controllarla prima di tornare tra le braccia di Morfeo.

Sono ormai tre anni che il mio letto matrimoniale ospita ogni notte una piccola nanetta coccolona.

Poco prima della nascita di Rebecca eravamo quasi riuscite a raggiungere la totale indipendenza notturna con Clarissa, e sono perfino riuscita e dormire due o tre notti senza nessuna incursione, in pieno possesso del mio letto. Poi è arrivata la sorellina e, come è giusto che sia, c’è stata una piccola ricerca di attenzione da parte della grande di casa, che ha ricominciato a rivendicare il suo territorio anche nel lettone di mamma e papà.

Da quattro mesi però le nanette sono due e nonostante il mio letto sia un king size, quattro persone sono davvero troppe anche per lui.

Abbiamo passato le prime notti giocando a tetris, incastrando perfettamente gambe e braccia, in modo che ognuno di noi avesse lo spazio vitale necessario per riuscire a dormire. Ovviamente le uniche che sono riuscite a dormire davvero sono state le bambine. All’ennesima notte insonne io e mio marito ci siamo guardati in faccia e all’unisono abbiamo detto : “basta!”

Impossibile che non ci fosse una soluzione in grado di risolvere la nostra situazione. Infatti l’ho trovata praticamente subito durante la mia breve ricerca in rete: la culla Next2Me di Chicco.

Next 2 me

Next2me non è una culla come le altre, tramite due cinghie è infatti possibile agganciarla in modo saldo e sicuro al letto; in questo modo, abbattendo la spondina laterale si può ottenere una piccola estensione del letto matrimoniale.

Una comodità assurda, in particolare per chi ha bambini come la mia Rebecca, che si svegliano ad ogni movimento e per cui è impensabile spostarli dal lettone al lettino senza che si sveglino. Dopo le poppate notturne infatti devo solo spingerla di pochi centimetri affinché possa riposare nella sua culla lei e nel mio letto io (aspettando l’arrivo di Clarissa).

La culla è regolabile in altezza,in modo che  possa essere posizionata accanto a qualsiasi letto,anche quelli più alti; e può essere utilizzata anche sganciata dal letto, con la spondina alzata, come una culla tradizionale ed è facilmente trasportabile in tutte le stanze di casa.

Next2me non ha fermato le incursioni notturne nel lettone di Clarissa ma ha sicuramente regalato dei sogni d’oro ( e sicuri) alla piccola Rebecca e migliorato la qualità delle notti di tutta la famiglia!

Io la stra consiglio a tutti, ma in particolare a chi, come me, ha sempre il letto invaso dalle piccole creature: fidatevi Next2me vi aiuta a guadagnare quei centimetri in più nel letto utili ad evitare di svegliarvi ogni notte con collo e schiena incriccati per aver dormito in posizioni impensabili.

Unica pecca: è utilizzabile solo fino ai 9 kg, all’incirca sei mesi. Peccato non ne esista una che duri fin ai 5 anni! 😉

The following two tabs change content below.
Valentina A.

Valentina A.

Founder and Managing Editor a Parola di Mamma
Redazione
0 POST COMMENT

Send Us A Message Here

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *